Photo du Raspberry Pi Pico W, ajout du Wi-Fi

Rilascio del Raspberry Pi Pico W, un microcontrollore con Wi-Fi!

Aggiornato 2 Luglio 2022 - 0 Commenti - , , , ,

ⓘ Questo articolo potrebbe essere stato tradotto parzialmente o completamente utilizzando strumenti automatici. Ci scusiamo per eventuali errori che ciò potrebbe causare.

Nel gennaio 2021, la Raspberry Pi Foundation ha annunciato il suo arrivo nel mercato dei microcontrollori con il Raspberry Pi Pico , un potente microcontrollore a soli $ 4. Oggi la fondazione Raspberry Pi annuncia il rilascio di un nuovo prodotto, il Pi Pico W, che aggiunge la connettività Wi-Fi alla sua piccola macchina!

Una breve panoramica di nuovi prodotti e fornitori.

Vedi il prezzo su Amazon

Una versione precedente molto ben accolta dal pubblico.

Con il rilascio del primo Raspberry Pico, la fondazione è riuscita a offrire un prodotto di facile accesso, piccolo, potente, versatile ed economico. Il Pi Pico ha quindi soddisfatto sia le esigenze dei professionisti che desiderano trovare una soluzione chiavi in ​​mano per incorporare un microcontrollore relativamente potente, sia quelle degli hobbisti che desiderano approfondire l’elettronica di bordo senza dover necessariamente passare attraverso l’apprendimento del linguaggio C o la progettazione circuiti elettronici eccessivamente avanzati, offrendo al contempo un’alternativa ancora più conveniente al famoso Arduino , di fatto nei microcontrollori di consumo.

Un Arduino Uno
Arduino era e rimane sia uno standard di consumo che industriale per le schede di microcontrollore.

A riprova che il Pi Pico ha soddisfatto una reale esigenza, a un anno dalla sua uscita la fondazione ha già venduto più di 2 milioni di unità, una cifra impressionante per un prodotto che, nonostante tutte le sue qualità, riguarda una community più esperta di quella del Raspberry, e un mercato su cui era già ampiamente accessibile un’offerta standard e diversificata, a differenza della situazione incontrata quando uscì il classico Raspberry Pi.

Va tuttavia precisato che questo successo è stato probabilmente amplificato dalla disponibilità relativamente impeccabile del Pi Pico, in un settore duramente colpito da carenze di componenti, carenze di cui peraltro il classico Raspberry Pi è in buona parte vittima.

Con l’aggiunta del Wi-Fi, Raspberry Pi Pico W è più orientato all’IoT che mai.

Con questo nuovo Raspberry Pi Pico W, la base sta aggiungendo un chip Wi-Fi al suo microcontrollore, colmando così quella che ci sembrava essere l’ultima grande lacuna del modello precedente, semplificandone notevolmente l’uso per i dispositivi embedded e Internet . Oggetti.

Quando si arriva sul mercato delle schede per microcontrollori, è ovvio che la base era in concorrenza con Arduino, che è lo standard storico sia per gli hobbisti, i maker e gli hacker, sia per gli industriali alla ricerca di una soluzione versatile e pronta all’uso. utilizzare nella scheda del microcontrollore.

Se il Pi Pico sembrava avere tutto per avere successo (maggiore potenza; minore ingombro; minor prezzo; maggiore facilità d’uso; minori barriere tecniche all’ingresso), c’era tuttavia un altro mercato in cui era in ritardo, quello dell’Internet of Things.

ESP32 un microcontrollore con Wifi
L’ESP32 è probabilmente la soluzione di microcontrollore più utilizzata con Wi-Fi oggi.

In effetti, sulla carta il Pi Pico aveva sia una dimensione, un prezzo che un consumo energetico abbastanza bassi da essere la base perfetta per qualsiasi oggetto connesso, ma mancava ancora una cosa, la connessione a Internet… Un limite ancora più complesso dell’aggiunta di Internet a un microcontrollore che originariamente ne era privo è tutt’altro che un compito facile.

Storicamente, la comunità amatoriale, ma anche quella industriale, si è spesso rivolta per questo tipo di compiti al modulo ESP8266 e al suo successore ESP32 , sia utilizzandoli da soli come cuore del sistema, sia abbinandoli ad un Arduino.

Grazie all’aggiunta del Wi-Fi, il Raspberry Pi Pico W dovrebbe quindi ora competere non solo con Arduino, ma anche con ESP32, rendendolo sicuramente uno strumento d’elezione per la creazione di oggetti connessi che richiedono l’accesso a Internet.

Dal punto di vista tecnico, come funziona?

Tecnicamente, l’aggiunta del Wi-Fi è stata effettuata aggiungendo un CX43439 di Infineon al Raspberry Pi Pico, che è incorporato nel Pi Pico W sotto uno scudo metallico incaricato di evitare interferenze, un punto importante per i professionisti perché riduce i costi associati con certificazione di conformità sulle emissioni radio.

Il chip Wi-Fi si trova sotto lo scudo metallico a sinistra della scheda.

Punto molto interessante da notare, il chip Wi-Fi di Infineon offre supporto per Bluetooth e Bluetooth Low-Energy. Se queste funzionalità non sono abilitate al rilascio del prodotto, la fondazione ha indicato che potrebbe abilitarle in futuri aggiornamenti.

Per quanto riguarda il software, sono ora disponibili aggiornamenti, tra cui un’immagine UF2 con supporto di rete per gli utenti di MicroPython e un aggiornamento dell’SDK Pico per gli sviluppatori C. la guida intitolata “Connessione a Internet con Raspberry Pi Pico W” è disponibile anche per entrambe le lingue.

Secondo questi documenti, elencare le reti Wi-Fi e collegarsi ad esse non dovrebbe quindi richiedere più di dieci righe in Python (in C immaginiamo che sarà probabilmente necessario creare 300 puntatori e organizzare il trasporto di ogni bit per vettore piccione, operazione quindi relativamente semplice rispetto al fatto di scrivere un helloworld.c senza falle di sicurezza…).

Come di consueto, la fondazione si è anche preoccupata di mantenere la forma attuale del Pi Pico in modo da consentire il passaggio diretto dalla vecchia alla nuova versione.

Un Raspberry Pi Pico H e Pico WH come bonus, con connettori GPIO già saldati.

Ultimo punto da notare, oltre al rilascio del Pico W, la fondazione ha rilasciato anche il Pico H da $ 5 che è semplicemente un classico Raspberry Pi Pico con connettori GPIO già saldati alla scheda, come era avvenuto per il Pi Zero e il Pi Zero H.

Foto di un Raspberry Pi Pico H con le sue porte GPIO saldate.
Il Raspberry Pi Pico H con le sue porte GPIO saldate e visibilmente fatte su misura per le fondamenta.

Un Pico WH sarà disponibile a breve per $ 7 e aggiungerà connettori GPIO pre-saldati al nuovo Pico W.

Quale disponibilità dovrebbe essere prevista e dove posso acquistare il Raspberry Pi Pico W?

A differenza del classico Raspberry Pi, il Pico W, come il suo predecessore, è stato progettato e rilasciato durante la carenza di componenti elettronici, e la fondazione sembra aver prestato particolare attenzione a poter garantire la produzione e la consegna di queste macchine. Se si deve credere all’esperienza passata del Raspberry Pico, allora non dovremmo avere una carenza di azioni.

Per quanto riguarda l’acquisto del Raspberry Pi Pico W, puoi acquistarlo ora qui su Amazon.

Vedi il prezzo su Amazon
Notez cet article.
Condividi
Newsletter
Autore:
Raspberry Pi FR
Unisciti alla comunità Raspberry Pi
Un computer da 35 euro ha già venduto 10 milioni di copie
ACQUISTA IL NUOVO RASPBERRY PI 4
Tutorial correlati
Crea una scheda SD da Windows, Mac o Linux con Raspberry Pi Imager. Crea un SIN con il tuo Raspberry Pi e Samba. Come far leggere il testo al Raspberry Pi con eSpeak. Raspberry Pi, come eseguire l'avvio da una chiave USB o da un disco rigido esterno. Il prezzo della versione Raspberry Pi 4 da 2 GB di RAM scende a $ 35!
Nessun commento

Condividi
Iscriviti alla Newsletter
Iscriviti alla newsletter.
Ti è piaciuto questo articolo ?
Iscriviti e resta informato!