Raspberry Pi Imager, la fondazione rilascia uno strumento ufficiale per installare un sistema operativo sul Raspberry!

Aggiornato 24 Agosto 2020 - 0 Commenti - , , , , ,

ⓘ Questo articolo potrebbe essere stato tradotto parzialmente o completamente utilizzando strumenti automatici. Ci scusiamo per eventuali errori che ciò potrebbe causare.

Il 5 marzo, la Raspberry Pi Foundation ha annunciato il rilascio di un nuovo strumento ufficiale, chiamato Raspberry Pi Imager, destinato a semplificare l'installazione dei sistemi operativi sulla scheda SD del Raspberry Pi.

Quanto vale questo nuovo strumento, quali miglioramenti rispetto a quello esistente, è davvero utile? Lo vedremo!

Come eseguire il flashing di una scheda SD con Raspberry Pi Imager?

Se vuoi esplorare in dettaglio l'utilizzo del software, abbiamo scritto un tutorial su come utilizzare Raspberry Pi Imager per installare un OS sulla tua scheda.

Una soluzione semplice adatta a tutti i sistemi operativi, ma non proprio nuova.

Ci sono molti modi per creare schede SD e abbiamo scritto diversi articoli sull'argomento noi stessi, per Windows o Linux.

In effetti, ci è voluto molto tempo prima che un modo diverso per ogni sistema operativo di eseguire il flashing di una scheda. Tuttavia, è passato del tempo da quando è emerso uno strumento compatibile con tutti i sistemi operativi: Balena Etcher, uno strumento per la creazione di immagini grafiche che, come Raspberry Pi Imager, è disponibile per Windows, Mac e Linux.

In effetti, sembra esserci poca differenza tra Etcher e il nuovo Raspberry Pi Imager: compatibilità tra sistemi operativi; semplice interfaccia grafica; Copia in 3 passaggi. Siamo su un'equivalenza quasi completa. Ma allora, ci sono davvero delle differenze?

Confronto tra Balena Etcher e Imager.
Sopra Balena Etcher, sotto l'immagine Raspberry Pi. A livello di interfaccia si può parlare di una certa somiglianza …

Alcune altre opzioni, principalmente un download automatico.

Se Balena Etcher e Raspberry Pi Imager sono quindi molto simili, Raspberry Pi Imager è più specializzato e offre alcune funzioni aggiuntive.

Primo miglioramento, Raspberry Pi Imager può gestire il download dell'immagine per te, cosa che Etcher non consente. Un modo per semplificare la vita ai principianti e garantire che la versione installata sia sempre la più aggiornata.

Per consentire questo download automatico, Raspberry Pi Imager cercherà un file all'avvio. .json sul sito web della fondazione. Il file contiene i collegamenti alle ultime versioni delle varie immagini.

L'elenco dei sistemi può essere scaricato direttamente dal sito web della fondazione.

Ovviamente è possibile utilizzare un'immagine personalizzata, invece, selezionando l'opzione "Use custom" piuttosto che un'immagine proposta.

Altri miglioramenti più aneddotici, la presenza di un'opzione "Erase" permettendo di formattare la scheda SD in FAT 32, così come quella di un'opzione "Misc utility images" permettendo di correggere un danneggiamento della memoria EPROOM su un Raspberry Pi 4. Opzioni utili, certamente, ma che potrebbero già essere fatte con pochi clic destro e altre copie di file. Chiamiamolo zucchero interfacico …

Ma allora, avevamo bisogno di uno strumento del genere?

Questo strumento era davvero necessario? Non tecnicamente, ma forse altrove …

Conclusione quindi, alcuni sviluppi piacevoli ma che aggiungono poco ad un problema tecnico già risolto da tempo. Eppure, questo significa che il tutto non interessa? Non è affatto certo!

Se lo strumento alla fine porta relativamente poco tecnicamente, porta altrove.

Infatti, se Balena Etcher offrisse già uno strumento con quasi le stesse funzionalità, il suo status di progetto esterno alla fondazione potrebbe porre qualche problema.

Meno conosciuto, perché non direttamente attaccato alla fondazione, Etcher non è mai diventato completamente uno standard all'interno della comunità, il che significa che molte tecniche diverse sono ancora utilizzate oggi, difficili da navigare per i principianti. .

Non controllato dalla fondazione, lo strumento potrebbe essere portato ad evolversi in modo incompatibile con le esigenze di questo. Difficile in questo contesto consigliarlo come strumento di default agli acquirenti / principianti di Raspberry.

Si noti, tuttavia, che Etcher è un software gratuito, come Raspberry Pi Imager, nulla avrebbe impedito alla fondazione di mantenere la propria versione del software piuttosto che costruirne una propria. Probabilmente hanno trovato più facile e meno restrittivo farlo.

Le vere sfide: semplicità e standardizzazione.

Alla fine, se questo nuovo strumento porta quindi relativamente poco a livello tecnico, dovrebbe consentire alla base di creare una sorta di metodo standardizzato comune ai diversi sistemi operativi per installare la scheda SD Raspberry. Un metodo che possono includere ad esempio nella guida utente Pi, nei loro tutorial, video, ecc.

La fase di creazione della scheda SD essendo la prima nell'utilizzo del Raspberry Pi, la sua gestione sarà quindi ampiamente standardizzata e semplificata, che è esattamente ciò che avevano le fondamenta, ma anche la comunità bisogno!

Condividi
Newsletter
Autore:
Raspberry Pi FR
Unisciti alla comunità Raspberry Pi
Un computer da 35 euro ha già venduto 10 milioni di copie
ACQUISTA IL NUOVO RASPBERRY PI 4
Tutorial correlati
Accendi e spegni un LED con Raspberry Pi e Python. Attiva la porta seriale TTL del Raspberry Pi e verifica che funzioni. Creare un cluster Raspberry Pi con Docker Swarm Come eseguire un programma all'avvio del Raspberry Pi? Impara a programmare con Python 3 e Raspberry Pi, corso introduttivo.
Nessun commento
Condividi
Iscriviti alla Newsletter
Iscriviti alla newsletter.
Ti è piaciuto questo articolo ?
Iscriviti e resta informato!