disque dur

Crea un SIN con il tuo Raspberry Pi e Samba.

Aggiornato 21 Dicembre 2017 - 0 Commenti - , , , , ,

ⓘ Questo articolo potrebbe essere stato tradotto parzialmente o completamente utilizzando strumenti automatici. Ci scusiamo per eventuali errori che ciò potrebbe causare.

Uno degli usi frequenti del Raspberry Pi è la creazione di un sistema di archiviazione multimediale locale, spesso chiamato NAS (Network Attached Storage).

Così oggi stiamo andando a spiegare come creare un SIN sul vostro Raspberry Pi utilizzando il software SAMBA.

Per riassumere, l'articolo vi introdurrà a come creare un disco rigido sulla rete locale con il Raspberry Pi e Samba, su cui tutti i dispositivi multimediali (computer, televisione …) saranno in grado di accedere senza dover essere collegati ad esso.

Prerequisiti per l'installazione di un SIN

Prima di tutto, è importante presentare il materiale necessario per questa realizzazione.

Preferibilmente prendere dischi rigidi alimentati tramite una presa di area per alleviare il consumo di energia del lampone Pi.

Configurazione del Raspberry Pi

Una volta che hai tutto l'hardware necessario, il Lampone è in esecuzione e sei connesso a SSH, puoi iniziare aggiornando il tuo Raspberry Pi

sudo apt update
sudo apt upgrade

Una volta completati gli aggiornamenti, creeremo i record pubblici e privati che saranno disponibili sul SIN.

sudo mkdir /home/shares
sudo mkdir /home/shares/public
sudo chown -R root:users /home/shares/public
sudo chmod -R ug=rwx,o=rx /home/shares/public

Creazione del server NAS con Samba

Con la configurazione di base del Raspberry Pi fatto, ora saremo in grado di installare il SIN stesso. Quindi useremo Samba, un software in grado di gestire la rete di un disco rigido in modo da poter accedere da qualsiasi sistema operativo o computer collegato alla rete.

Quindi inizieremo installando Samba sul Raspberry Pi utilizzando il seguente comando:

sudo apt install samba samba-common-bin

Dopo di che, modificheremo il file di configurazione.

sudo nano /etc/samba/smb.conf

Se si desidera limitare le connessioni al SIN richiedendo l'autenticazione,

##### Authentification #####

e aggiungere la riga successiva appena sotto

security = user

Per gestire gli spazi di archiviazione privati, passare ora al [homes]. Se si desidera essere in grado di scrivere (inviare file) al SIN, assicurarsi che il file contenga la seguente riga:

read only = no

Infine, nella parte inferiore del file, aggiungeremo i parametri relativi all'accesso alla parte pubblica del SIN:

[public]
  comment= Public Storage
  path = /home/shares/public
  valid users = @users
  force group = users
  create mask = 0660
  directory mask = 0771
  read only = no

Chiudere il file salvandolo e riavviare samba

sudo /etc/init.d/smbd restart

Ora aggiungeremo un utente a samba. Nel nostro esempio aggiungeremo l'utente pi.

sudo smbpasswd -a pi

Aggiungere un dispositivo multimediale

Se si desidera aggiungere una chiavetta USB o un disco rigido per ottenere più spazio di archiviazione, è ovviamente possibile. Per semplificare le cose se si desidera collegare più dispositivi, è consigliabile collegare/configurare i dispositivi uno per uno.

Inizia collegando il dispositivo al Raspberry Pi. La prima cosa da fare dopo che è quello di rilevare quale nome il lampone ha associato ad esso. A tale scopo, eseguire il comando

dmesg

Generalmente, il nome del supporto è sda1 ma questo può cambiare soprattutto se si dispone di più dispositivi collegati.

Attenzione, il dispositivo deve essere formattato con un file system Linux (ext3, ext4, ecc.). In caso contrario, è possibile formattarlo utilizzando il seguente comando (sostituendo sda1 nome del dispositivo, se diverso).

umount /dev/sda1
sudo mkfs.ext4 /dev/sda1

Quindi creare una directory in cui il dispositivo sarà montato per essere accessibile tramite il SIN, e dargli i diritti di lettura / scrittura necessari

sudo mkdir /home/shares/public/disk1
sudo chown -R root:users /home/shares/public/disk1
sudo chmod -R ug=rwx,o=rx /home/shares/public/disk1

Il nome della cartella (disk1 nell'esempio) non ha importanza, mettere quello che si desidera essere in grado di trovare facilmente sulla rete. Una volta fatto questo, montare il dispositivo in questa cartella.

sudo mount /dev/sda1 /home/shares/public/disk1

Montare i dispositivi all'inizio del Raspberry Pi

In questa fase dell'installazione, c'è davvero un problema. Quando si riavvia il Raspberry Pi, i peripers non necessariamente montare. Per risolvere il problema, modificare il file fstab.

sudo nano /etc/fstab

e per ogni dispositivo, aggiungere la riga successiva nella parte inferiore del file (fare attenzione a non sbagliare sul nome del dispositivo e la directory in cui dovrebbe essere montato)

/dev/sda1 /home/shares/public/disk1 auto noatime,nofail 0 0

Connettersi al server NAS

Il nostro SIN è ora impostato quindi devo solo spiegare come connettersi ad esso. Non ho intenzione di farlo per tutti i sistemi operativi, è abbastanza simile per tutti. Essere consapevoli del fatto che per gli smartphone, è possibile connettersi con un app come File Expert per Android o File Explorer su IOS.

Per connettersi da Windows, andare alla finestra Questo PC fare clic sulla scheda Computer e quindi fare clic su Connetti un lettore di rete.

La lettera del lettore non ha importanza, ma è necessario scoprire dove si trova il Raspberry Pi sulla rete. per nome o per indirizzo IP. Se non hai mai cambiato il nome del tuo Raspberry Pi dovresti essere in grado di connetterti alla directory pubblica informando \raspberrypipublic e la directory privata con il nome utente (nel nostro esempio pi) informando \raspberrypipi

Ora hai un grande SIN con il tuo Raspberry Pi! Tutto quello che devi fare è installare un media center su un secondo Raspberry Pi per avere un sistema multimediale in alto!

Condividi
Newsletter
Autore:
Raspberry Pi FR
Unisciti alla comunità Raspberry Pi
Un computer da 35 euro ha già venduto 10 milioni di copie
ACQUISTA IL NUOVO RASPBERRY PI 4
Tutorial correlati
Fai lampeggiare il LED verde integrato del Raspberry Pi. Accendi e spegni un LED con Raspberry Pi e Python. Il Raspberry Pi 4 arriva in una versione da 8 GB di RAM! Creare un cluster Raspberry Pi con Docker Swarm Come eseguire un programma all'avvio del Raspberry Pi?
Nessun commento
Condividi
Iscriviti alla Newsletter
Iscriviti alla newsletter.
Ti è piaciuto questo articolo ?
Iscriviti e resta informato!