Installer plusieurs OS sur la même carte SD avec BerryBoot.

Come installare più OS sul Raspberry Pi con BerryBoot.

Aggiornato 27 Febbraio 2018 - 0 Commenti - , , , , , ,

ⓘ Questo articolo potrebbe essere stato tradotto parzialmente o completamente utilizzando strumenti automatici. Ci scusiamo per eventuali errori che ciò potrebbe causare.

Se ti piace scoprire cose nuove e stai ancora sperimentando con il Raspberry Pi, potresti aver già voluto installare diversi sistemi operativi sulla stessa scheda SD? Ecco a cosa è a favore BerryBoot!

Ad esempio, potrebbe essere necessario sia un media center, un sistema di retro-gaming e un sistema Raspbian classico! Solo qui, 3 carte SD, finisce per essere un po 'costoso. Soprattutto perché abbiamo ancora bisogno di aggiungerne uno nuovo per ogni uso aggiuntivo. E questo per non parlare di dover cambiare le carte ogni volta. Tutto questo finisce per diventare piuttosto costoso e anche, diciamolo chiaramente, francamente noioso!

Per risolvere questo problema, vedremo come è possibile utilizzare il software BerryBoot per installare più OS sul Raspberry Pi e anche aggiungere o eliminare il sistema operativo in base alle esigenze.

Il materiale necessario per questa esercitazione

Per essere in grado di seguire questo tutorial, avrete assolutamente bisogno del seguente materiale (clicca sui link per vedere il materiale che consigliamo).

Si noterà che è possibile utilizzare una scheda MicroSD di grandi dimensioni (almeno 32 GB) o una scheda più piccola e un disco rigido esterno. BerryBoot consente di installare il sistema operativo diverso su un disco rigido esterno anziché sulla scheda SD. Probabilmente dovresti prendere in considerazione questa soluzione se vuoi installare diversi sistemi in grado di ospitare file di grandi dimensioni (film, backup, giochi, ecc.).

Perché usare BerryBoot al posto di Noobs?

Mentre si guarda a come abbiamo potuto installare più OS sulla stessa scheda MicroSD con raspberry Pi, ci siamo imbattuti in due soluzioni, Noobs e BerryBoot. Così abbiamo guardato quale sistema era il più adatto e abbiamo finalmente selezionato BerryBoot.

Infatti, a differenza di Noobs, BerryBoot non è solo un installatore, ma piuttosto un bootloader. Senza entrare troppo nei dettagli ecco la differenza.

Con Noobs, sceglierai i sistemi operativi che desideri installare sulla scheda MicroSD al primo avvio. Una volta avviato la prima volta, potrai scegliere quale sistema utilizzare, ma non potrai aggiungerlo o rimuoverlo. Se vuoi scoprire un nuovo sistema operativo, devi rifatre l'intera mappa e perderai tutti i tuoi dati.

Con BerryBoot, non si installa direttamente il sistema operativo sulla mappa, ma piuttosto una sorta di file compresso che BerryBoot sarà in grado di utilizzare. Come con Noobs, sarete in grado di scegliere all'avvio quale sistema si desidera utilizzare, ma questa volta sarete anche in grado di eliminare o aggiungere nuovo sistema operativo!

BerryBoot è quindi molto più adatto di Noobs quando si tratta di scoprire nuovo sistema operativo o giocherellare (cuckoo Francois) con il Raspberry Pi. Quindi spostiamoci a destra a BerryBoot sul nostro lampone!

Installare BerryBoot sul Raspberry Pi

Per installare BerryBoot, dovremo iniziare scaricandolo. Per questo, niente di complicato, basta andare al sito BerryBoot, e fare clic sul link di download corrispondente al tuo Raspberry Pi (nel nostro caso, "BerryBoot per il quad-core…").

Durante i download di BerryBoot, inserisci la tua scheda SD nel computer e formattala in FAT32 (di solito fai clic con il pulsante destro del mouse sull'icona della scheda SD, "Format the device", ecc.).

Ora che BerryBoot viene scaricato e la scheda SD è formattata, saremo in grado di installare BerryBoot sulla scheda SD. Ancora una volta, è così semplice. Basta decomprimere il file BerryBoot .IP che hai appena scaricato, copiare il contenuto della cartella risultante (il contenuto eh, non la cartella stessa, ti vedo arrivare) e copiarlo sulla scheda SD.

Una volta fatto questo, espellere la scheda SD, inserirla nel Raspberry Pi, collegarla ai dispositivi (schermo, tastiera, mouse) e collegare l'alimentazione nell'area.

Hai un'immagine (altrimenti, ti ho detto di copiare il contenuto della cartella e non la cartella…)? Grande, saremo in grado di passare all'installazione di sistemi operativi!

Installazione BerryBoot e selezione del sistema operativo

Una volta che il tuo Raspberry Pi è collegato, si inizierà e vi troverete di fronte al programma di installazione BerryBoot, che vi permetterà di impostare BerryBoot e scegliere i sistemi operativi da installare sul vostro Raspberry Pi.

Così vi troverete di fronte alla finestra successiva (scusate la qualità delle immagini, queste sono foto prese da un proiettore video, quindi l'effetto arcobaleno è evidente …).

Home page dell'installatore BerryBoot

Questa pagina consente di impostare le opzioni di BerryBoot.

Quindi impostare le diverse opzioni di cui avete bisogno. Nel nostro caso, abbiamo impostato le seguenti impostazioni:

  • Video: Sì
  • Connessione di rete: Wifi (put Wired se sei connesso a Ethernet)
  • Audio: Auto (lascialo così per impostazione predefinita)
  • Fuso orario: Europa/Parigi (segnala che è più facile leggere l'ora corrente che fare calcoli mentali dal fuso orario uzbeko…)
  • Layout di tastiera: it

Il campo "Digitare qui per testare la tastiera" viene semplicemente utilizzato per verificare che le lettere visualizzate corrispondano ai tasti della tastiera premuti.

Una volta configurato, fai clic su "OK".

 

Se, come noi, hai scelto di connetterti al Wi-Fi, ti troverai di fronte alla finestra sottostante (altrimenti, salta all'immagine dopo):

Impostazioni Wi-Fi di BerryBoot

Scegli la tua rete Wi-Fi e inserisci la password associata.

Niente di troppo complicato, basta scegliere la rete Wi-Fi che si desidera utilizzare, inserire la password di rete in "password WPA" e fare clic su "OK".

 

Berryboot ora ti chiederà su quale disco installare il sistema operativo diverso.

Finestra del disco di scelta o installare il sistema operativo

È possibile scegliere di installare il sistema operativo direttamente sulla scheda SD, ma anche su un disco esterno o di altro tipo.

Come si può vedere BerryBoot offre di installare il sistema operativo direttamente sulla scheda SD (mmcblk0), ma non solo.

Così si può vedere dalla cattura di cui sopra che offre anche per installare il sistema operativo su archiviazione di rete (in modo da poter ospitare l'intero sistema operativo online, o anche localmente, per esempio su un SIN che si dovrebbe eseguire su un Raspberry Pi).

Inoltre, se ti piace, puoi anche installare il sistema operativo su un disco rigido collegato USB al Raspberry Pi (qui l'opzione non viene visualizzata perché nessuna unità è collegata, ma di solito è chiamata sda).

Quindi scegliere il dispositivo su cui si desidera installare il sistema operativo (nel nostro caso abbiamo scelto mmcblk0scheda SD).

BerryBoot offre anche di scegliere il tipo di file system da utilizzare, ext4, che va bene e che vi consigliamo di lasciare di default.

Infine, è possibile scegliere di crittografare il sistema operativo selezionando la casella "Crittografa disco". Si noti che questo tipo di crittografia comporta in genere una riduzione più o meno significativa delle prestazioni. Vi consigliamo di lasciarlo andare a meno che non ne avete davvero bisogno.

Una volta impostate tutte queste opzioni, fai clic su "Formato". Apparirà quindi una finestra di avanzamento l'ora per formattare la scheda SD, di solito meno di un minuto.

 

Una volta formattata la scheda/disco/macchina in una rete, arriveremo all'ultima fase di questa installazione, la scelta dei sistemi operativi da installare sul Raspberry Pi.

Scelta del sistema operativo da installare con BerryBoot

È possibile scegliere il sistema operativo diverso da installare sul raspberry Pi.

Come si può vedere, il sistema operativo è suddiviso in diverse categorie "Popular", "Others", "Appliances" e "Featured". Le probabilità sono i OS che ti interessano sono o in "Popolare" o "Altri".

Per scegliere il vostro sistema operativo non c'è ancora niente stregone. Basta cliccare sul sistema operativo di vostra scelta per evidenziarli. Una volta selezionato tutto il sistema operativo che si desidera installare, fare clic su "Ok" per installarli. Verrà quindi visualizzata una barra di caricamento per indicare l'avanzamento dell'installazione.

Una volta completata l'installazione, viene visualizzata una finestra per riavviare Raspberry Pi.

Primo avvio di BerryBoot, scegliere il sistema operativo su cui iniziare

Una volta riavviato il Raspberry Pi, ti troverai di fronte alla schermata di lancio di BerryBoot, che ti consente di scegliere su quale sistema operativo vuoi iniziare.

schermata iniziale di BerryBoot.

Qui abbiamo un solo sistema operativo installato, Raspbian.

Dopo 10 secondi senza azione, BerryBoot avvierà automaticamente il sistema operativo per impostazione predefinita. In alternativa, è possibile fare clic sul sistema operativo che si desidera iniziare a selezionarlo e quindi fare clic sul pulsante "Boot" in basso a sinistra.

Configura BerryBoot e installa un nuovo sistema operativo sul tuo Raspberry Pi

Se si desidera aggiungere un nuovo sistema operativo al raspberry Pi, è sufficiente fare clic sul pulsante "Modifica menu" all'inizio del rasp. Vi troverete quindi di fronte alla schermata di configurazione di BerryBoot.

Schermata di configurazione di BerryBoot

La schermata di configurazione di BerryBoot consente di aggiungere un nuovo sistema operativo al Raspberry Pi.

Per aggiungere un sistema operativo, è sufficiente fare clic sull'icona "Aggiungi sistema operativo" in alto a sinistra. Ci si trova quindi sulla stessa interfaccia come durante la procedura di installazione quando si sceglie quale sistema operativo installare. La procedura è esattamente la stessa di quel momento.

Si noti che è anche possibile eliminare un sistema operativo facendo clic su di esso e quindi "Elimina" o fare un backup ("Backup").

Allo stesso modo, è anche possibile impostare il sistema operativo da utilizzare per impostazione predefinita facendo clic su di esso e quindi su "Imposta predefinito"."

È importante sottolineare che è anche attraverso questa interfaccia e tramite "Edit config" che è possibile modificare i file cmdline.txt, config.txt o wpa_supplicant.conf, che consentono di modificare il comportamento di Raspberry Pi. Molto importante, allora!

Infine, cliccando su "Altre opzioni", è possibile aprire un terminale, reimpostare un sistema operativo, clonarlo, correggerlo o impostare una password.

Una volta che hai fatto le regolazioni, tutto quello che devi fare è fare clic su "Esci" e quindi scegliere il sistema operativo con cui iniziare.

Ed ecco, è possibile eseguire più sistemi operativi sulla stessa scheda SD!

Ora hai un Raspberry Pi che può eseguire più sistemi OS diversi con una singola scheda SD, e su cui è possibile aggiungere o rimuovere il sistema operativo senza cambiare gli altri!

Si noti che è possibile utilizzare la funzione "Clone" per installare lo stesso sistema operativo più volte, utile per il montaggio di più sistemi di sviluppo separati sulla stessa mappa, o per creare un'immagine del sistema per ogni membro della famiglia!

In ogni caso, abbiamo colto l'occasione per montare un Raspberry Pi sia con un emulatore per il retro-gaming, un media center e un server LAMP per i nostri test!

Condividi
Newsletter
Autore:
Raspberry Pi FR
Unisciti alla comunità Raspberry Pi
Un computer da 35 euro ha già venduto 10 milioni di copie
ACQUISTA IL NUOVO RASPBERRY PI 4
Tutorial correlati
Impara a programmare con Python 3 e Raspberry Pi, corso introduttivo. Raspberry Pi Imager, la fondazione rilascia uno strumento ufficiale per installare un sistema operativo sul Raspberry! Installare Android sul Raspberry Pi Leggi la partizione Linux di una scheda SD Raspberry da Windows e Mac. Controlla una stampante 3D in remoto con Raspberry Pi e Octopi.
Nessun commento
Condividi
Iscriviti alla Newsletter
Iscriviti alla newsletter.
Ti è piaciuto questo articolo ?
Iscriviti e resta informato!