Impression 3D avec une Raspberry Pi

Controlla una stampante 3D in remoto con Raspberry Pi e Octopi.

Aggiornato 22 Maggio 2019 - 0 Commenti - , , ,

ⓘ Questo articolo potrebbe essere stato tradotto parzialmente o completamente utilizzando strumenti automatici. Ci scusiamo per eventuali errori che ciò potrebbe causare.

Come il Raspberry Pi, la stampa 3D è uno degli strumenti quasi essenziali per produttori, hacker e altri hacker.

Crea quasi tutti gli oggetti in plastica in poche ore, a un costo irrisorio e con l'unico vincolo di possedere un modello 3D. Per chiunque faccia prototipi, questo è un po 'un sogno.

Quindi era solo una questione di tempo prima che facessimo un tutorial che riunisse i due temi, stampa 3D e Raspberry Pi.

Oggi vedremo come controllare una stampante 3D da remoto con un Raspberry Pi e la distribuzione Octopi, risultante dalla combinazione di Raspbian e il software Octoprint.

L'obiettivo sarà quello di poter controllare a distanza una stampante 3D, attivare da remoto la stampa di un file e osservare il processo di stampa dal vivo tramite una webcam.

Quale attrezzatura per controllare una stampante 3D con Octopi?

Per seguire questo tutorial, avrai bisogno del seguente materiale (clicca sul link per vedere il prezzo online):

Oltre a tutto questo, ovviamente avrai bisogno di una stampante 3D.

Sospetto che alcuni di voi non abbiano ancora una stampante, stiano valutando un acquisto e si stiano chiedendo quale stampante scegliere. Non pretendo assolutamente di essere un esperto in materia, posso solo darvi i miei sentimenti e le mie esperienze personali.

Attraverso i miei studi, le mie esperienze professionali e personali, ho avuto l'opportunità di utilizzare alcune stampanti 3D e di vedere molte parti prodotte dalla stampa 3D.

Personalmente, ora ho una stampante Alfawise U20 di cui sono pienamente soddisfatto. Il tutorial è stato quindi realizzato con questa stampante e per questa stampante verranno realizzati i vari esempi.

Se stai cercando una prima macchina da acquistare, penso che Alfawise U20 sia un'ottima macchina con cui iniziare con un eccellente rapporto qualità / prezzo / capacità e volume di stampa. Le stampe prodotte sono tra le più belle che ho visto.

Forse l'unica cosa di cui mi devo lamentare con questa stampante è la mancanza di un sistema di calibrazione automatizzato.

Ecco un esempio dell'impressione che una persona potrebbe ottenere con Alfawise U20, a sinistra senza ea destra con i TL-smoothers.

Oltre ad Alfawise, posso anche consigliare il Creality CR-10 che è relativamente vicino ma ha una comunità più ampia.

Per iniziare oggi con la stampa 3D, questi due modelli mi sembrano i più adatti.

Guarda l'Alfawise U20 Guarda il Creality CR-10

Installa Octopi sulla scheda SD

Octoprint è un software per il controllo delle stampanti 3D tramite un'interfaccia web.

Se il software in quanto tale è installabile su tutti i tipi di macchine, la distribuzione Octopi offre una versione preinstallata e preconfigurata per Raspberry Pi tramite il sistema Raspbian.

In questo tutorial, è quindi questa distribuzione che useremo. Per fare ciò, inizia scaricandolo dal seguente indirizzo: https://octopi.octoprint.org/latest

Scarica anche il software Etcher, che ci permetterà di installare Octopi sulla scheda MicroSD.

Una volta che Etcher e Octopi sono stati scaricati, inserisci la scheda MicroSD nel tuo computer e avvia Etcher. Fare clic su "Seleziona immagine" e selezionare l'immagine Octopi. Quindi fare clic su "Seleziona unità" e scegliere la scheda MicroSD. Infine, fai clic su "Flash!".

Configura il Wi-Fi del Raspberry Pi

Ora che l'immagine è installata sulla scheda SD, configureremo Octopi in modo che si connetta al tuo Wi-Fi. Se vuoi connetterti direttamente a Ethernet puoi saltare questo passaggio.

Apri il tuo file explorer e vai alla partizione di avvio della scheda SD.

Usa un editor di testo (come Blocco note o Blocco note ++ su Windows, Gedit su Linux, ecc.) Per aprire il file octopi-wpa-supplicant.conf nella partizione di avvio.

Svuota completamente il file e incolla il testo qui sotto.

## WPA/WPA2 secured
network={
  ssid="nom_box"
  psk="mdp_box"
}

country=FR

ctrl_interface=DIR=/var/run/wpa_supplicant GROUP=netdev
update_config=1

Sostituisci le parti nom_box e mdp_box dal nome e dalla password della tua casella.

Questa impostazione è valida per le caselle che utilizzano la protezione WPA (90% delle caselle recenti). Se invece la tua casella utilizza la sicurezza WEP, utilizza invece la configurazione seguente.

## WEP "secured"
network={
  ssid="nom_box"
  key_mgmt=NONE
  wep_key0="mdp_box"
  wep_tx_keyidx=0
}

country=FR

ctrl_interface=DIR=/var/run/wpa_supplicant GROUP=netdev
update_config=1

Una volta riempito il file, salvalo ed espelli la scheda SD.

Primo avvio di Octopi sul Raspberry Pi

Ora che abbiamo configurato il Wi-Fi saremo in grado di completare l'installazione sul Raspberry Pi.

Per fare ciò, inserisci la scheda SD nel tuo Raspberry e collega la fotocamera, quindi collega l'alimentazione del Raspberry.

Attendi qualche minuto fino a quando il Raspberry Pi non ha terminato completamente l'avvio e non è collegato correttamente alla rete.

Innanzitutto, cambieremo la password predefinita del Raspberry Pi tramite SSH.

Per fare ciò, connettiti in SSH all'host octopi.local con l'utente pi e la password raspberry. Se non sai come usare SSH, puoi leggere il nostro tutorial sull'argomento.

Una volta connesso in SSH, esegui il comando sudo raspi-config, scegli "Cambia password utente" e inserisci la nuova password da utilizzare.

Una volta modificata la password, potremo finalizzare l'installazione di Octopi.

Configura Octoprint

Per configurare Octoprint, inizia collegando la tua stampante 3D al tuo Raspberry Pi tramite USB, quindi connettiti all'indirizzo http: //octopi.local da un computer connesso alla stessa rete Wi-Fi del Raspberry.

Ti troverai nella home page di Octoprint e di fronte al "Setup Wizard".

Il primo passo è impostare la password Octoprint per impedire a chiunque di avere qualcosa stampato sulla tua stampante 3D.

Immettere il nome utente e la password che si desidera utilizzare, quindi fare clic su "Keep Access Control Enabled", quindi seguire "Next".

Il passaggio successivo consente di scegliere se si desidera che gli autori di Octoprint siano in grado di raccogliere dati statistici. Scegli come meglio credi e fai clic su "Avanti".

Ora sarai in grado di configurare il sistema di verifica della connessione Octoprint. Lascialo così com'è e fai clic su "Avanti"

Il passaggio successivo consiste nell'impostare il sistema di blacklist dei plug-in, che dovrebbe proteggerti dall'installazione di plug-in non sicuri. Attivare o disattivare il sistema in base alla propria scelta quindi fare clic su "Avanti".

La parte successiva ti consente di configurare un profilo personalizzato per Cura, salta questo passaggio.

Quindi, saremo in grado di configurare un profilo personalizzato per la nostra stampante. Questo ci permette in particolare di definire il nome della stampante, ma soprattutto il volume di stampa utilizzabile.

Immettere il nome della stampante nella sezione "Generale".

Quindi il volume di stampa nella parte "Piano di stampa e volume di costruzione". Adattare queste informazioni in base al modello della stampante. Se stai usando un Alfawise U20, puoi usare le impostazioni seguenti.

Lascia la parte "Assi" così com'è e configura la parte "Hotend ed estrusore" per adattare la configurazione alle dimensioni del tuo ugello di stampa (0,4 mm per Alfawise U20). Al termine, fare clic su "Avanti".

Tutto quello che devi fare è cliccare su "Fine" e il gioco è fatto, la tua stampante è configurata.

Per iniziare, ti lascio scoprire il software da solo, è davvero molto semplice e troverai molti tutorial online!

Rendi Octoprint accessibile da Internet

Per ora, Octoprint può essere utilizzato solo dalla rete locale. Se vuoi poterlo controllare da Internet devi rendere il tuo Raspberry Pi accessibile dall'esterno. Per questo, la soluzione più semplice è probabilmente quella di utilizzare un servizio DynDNS, che ti consente di associare un nome di dominio alla tua casella.

Esistono molti servizi DynDNS e le impostazioni differiscono leggermente a seconda della scatola, ma i principi generali rimangono gli stessi.

Questo tutorial è già abbastanza lungo, ti rimando al nostro tutorial dedicato a mettere online un Raspberry Pi con un DynDNS, che dovrai solo adattare un po '!

Tutto quello che devi fare è modellare e stampare!

Condividi
Newsletter
Autore:
Raspberry Pi FR
Unisciti alla comunità Raspberry Pi
Un computer da 35 euro ha già venduto 10 milioni di copie
ACQUISTA IL NUOVO RASPBERRY PI 4
Tutorial correlati
Come controllare un servomotore con Raspberry Pi Nuovo Raspberry Pi 4, cosa c'è di nuovo, a che prezzo, dove comprarlo? Come attivare SSH su Raspberry Pi. Bitcoin ha spiegato a mia nonna, introduzione per i principianti. Trasferisci i file al Raspberry Pi senza FTP con SSH.
Nessun commento
Condividi
Iscriviti alla Newsletter
Iscriviti alla newsletter.
Ti è piaciuto questo articolo ?
Iscriviti e resta informato!